Sport

25 maggio. Il Toro (Torino FC) torna a casa!

25 maggio. Il Toro torna a casa!

La data del 25 maggio 2017 rappresenta un momento fondamentale per la storia del Toro (Torino FC). Rinasce a tutti gli effetti la casa granata del mitico Filadelfia! Il tempio del granatismo riprende forma e vita con impianti e strutture all’avanguardia, degne di una società di calcio dal passato glorioso e dal futuro promettente e brillante.

Sono stati progettati, costruiti e portati nella fase di prima manutenzione n° 2 terreni di gioco atti ad ospitare gli allenamenti della prima squadra e le partite interne della formazione Primavera.

Entrambi i campi possiedono specifico impianto di riscaldamento ad acqua (serpentine sotterranee riempite con acqua calda a temperatura controllata da tecnici) per poter dare in ogni momento la fruibilità della superficie di gioco.

L’impianto d’irrigazione è stato studiato secondo gli ultimissimi dettami tecnici. Sono stati impiegati 24 irrigatori/campo al fine di ottimizzare sempre ed in ogni condizione climatica la distribuzione dell’acqua. Il substrato di coltivazione è stato preparato con materiale leggero, sciolto, di natura silicea. Questo per evitare i pericolosi problemi di compattazione e di asfissia radicale.

Ma la parte più importante dello stadio del Toro? L’erba?

E qui, scende in campo Tempoverde.

Tempoverde ha “messo in gioco” la propria passione, la propria competenza e professionalità. Ha messo in campo la propria esperienza, le proprie eccellenze in termini di ricerca e sviluppo e naturalmente i propri materiali selezionati, tecnicamente e geneticamente all’avanguardia.

E il risultato è sotto gli occhi di tutti, dagli addetti ai lavori fino ai tifosi: due campi di gioco eccezionali, con prestazioni pressoché perfette!

Le varietà che sono state utilizzate

Abbiamo utilizzato delle varietà che rendono minime le necessità in termini di difesa, nel pieno rispetto delle direttive eco-ambientali imposte dal Piano d’Azione Nazionale. Le sementi endofizzate Tempoverde, infatti, manifestano dei caratteri di resistenza del tutto naturale nei confronti delle principali patologie e dei più importanti insetti dannosi.

Ma anche l’aspetto di consumo di acqua è stato preso in considerazione: le Poe Pratensis inserite nella miscela rappresentano un punto d’arrivo nel risparmio idrico con esigenze irrigue davvero ridotte.

Blue Stadio è il nome della miscela utilizzata per rendere il complesso del Filadelfia la giusta dimora del Toro (Torino FC). Tale materiale è utilizzabile in ogni situazione di tappeto erboso sottoposto ad alto calpestio, dal campo professionista fino alle situazioni amatoriali. Questo perché Tempoverde, forte della sua leadership di mercato, riesce a coniugare l’aspetto qualitativo con un prezzo decisamente alla portata di tutti.

La manutenzione

Anche per la prima fase di manutenzione Tempoverde ha fornito in toto il proprio contributo, assecondando e migliorando la fertilità del substrato di coltura. Come? Attraverso prodotti come Gro-Power Plus w/M 5.3.1. Rendendo poi perfetta ed uniforme la germinazione e la nascita delle plantule mediante l’impiego del concime a lenta cessione ad azione starter. Questo concime è TurFeed Pro NewLife 17.22.10.

I terreni di gioco sono ormai da quasi un anno sotto il controllo Tempoverde. TurFeed Pro Speedball 24.5.10 e TurFeed Pro Doctor K 14.5.25 rappresentano l’ossatura di tutto il piano di fertilizzazione. Nutrono infatti in maniera costante, precisa ed uniforme il manto erboso dei due campi.

Ecosostenibilità

Ci piacerebbe poi sottolineare a gran voce la piena volontà, condivisa da tutte le parti in causa (Tempoverde, Fondazione Filadelfia, Torino FC), di condurre una manutenzione naturale ed eco-compatibile.

In questo senso è stato largo impulso all’impiego di bioattivati. Tipo MicoStep, MicoPlus e MicoLeaf in associazione a TurFeed Pro Biocarb 3.0.5. Questi sono elementi naturali di prevenzione delle malattie, che hanno svolto in maniera perfetta la loro funzione con la totale salvaguardia della salute degli operatori, di tutte le persone che abitano nei vicini palazzi e, naturalmente, dell’erba stessa.

E con grande soddisfazione possiamo anche noi dire:

25 Maggio 2017, il Toro ritorna finalmente a casa!

Articoli Correlati