Concimazione, Idrofobia del suolo, Resistenza a stress, Semine

Ricetta antistress per il prato

Siete in cerca di una ricetta antistress per il prato? Detto fatto! Quando le temperature aumentano è bene tenere sempre con se questa raccolta di consigli e prodotti per affrontare la stagione calda.

Siete in cerca di una ricetta antistress per il prato? Detto fatto! Quando le temperature aumentano è bene tenere sempre con se questa raccolta di consigli e prodotti per affrontare la stagione calda.

Lo sviluppo del tappeto erboso è strettamente influenzato dalle temperature. In Italia le specie da tappeto erboso più utilizzate appartengono alle Microterme dei generi: Agrostis, Festuca, Lolium e Poa.

Tra qualche giorno le microterme si troveranno ad affrontare alte temperature per lunghi periodi e, appena si supereranno i 28-30°C, i tappeti erbosi cominceranno a soffrire.

Temperature superiori ai 38°C possono provocare gravi stress termici. Soprattutto al Lolium perenne: con queste temperature si raggiunge una soglia in cui le reazioni metaboliche aumentano sino allo squilibrio con il risultato della denaturazione delle proteine e la morte dei tessuti.

INGREDIENTI

  • Tagliaerba
  • Cultivar tolleranti alla siccità prolungata (TWCA)
  • Concime estivo con un alta titolazione di potassio
  • Biostimolanti
  • Agenti umettanti

1 Alzare l’altezza di taglio

Una delle operazioni più importanti da eseguire è sicuramente quella di alzare l’altezza di taglio regolando le macchine operatrici sopra i 5 cm per i tappeti erbosi ricreativi e ornamentali, e non sotto i 3 cm per i tappeti erbosi sportivi (dove possibile).

In questo modo le specie microterme avranno a disposizione una maggiore quantità di lamina fogliare per aumentare sia la superfice a fotosintesi, sia la superfice traspirante indispensabile per il dissipamento del calore in eccesso.

2 Usare cultivar tolleranti alla siccità prolungata (TWCA)

Un altro degli ingredienti fondamentali per una ricetta antistress per il prato è il seguente. È molto importante compensare il deficit idrico delle essenze coltivate durante il periodo estivo con il corretto apporto di acqua di irrigazione. Molti autori hanno indagato sugli effetti della frequenza d’irrigazione, evidenziando che se è troppo elevata induce uno sviluppo radicale poco profondo e aumenta lo sviluppo di malattie e infestanti.

Una programmazione meno frequente invece può migliorare i meccanismi di resistenza alla siccità, così come la profondità dell’apparato radicale ed un ispessimento della cuticola.
La quantità di acqua necessaria dipende comunque da molti fattori e tra i principali ricordiamo ovviamente il tipo di terreno ma soprattutto le cultivar utilizzate.

La cosa migliore è aver già scelto delle cultivar tolleranti a siccità prolungata. Le uniche certificate disponibili in Europa sono quelle marchiate TWCA.

TWCA è un’associazione senza scopo di lucro, fondata negli Stati Uniti il cui obiettivo è quello di Individuare le cultivar tolleranti a siccità prolungata, individuare le cultivar con maggior resilienza e quantificare il risparmio idrico di queste varietà.

Un miscuglio marchiato TWCA  (con il 100% delle varietà all’interno tolleranti alla siccità prolungata) è il Blue Country MYCO TWCA oppure il Blue Club MYCO TWCA (novità 2021).
Inoltre dal 2021 Tempoverde ha migliorato alcune miscele inserendo all’interno una buona parte di varietà certificate TWCA (TWCA inside). Per esempio Blue Overseeding (TWCA inside)Blue Rigenerazione (TWCA inside)Blue Stadio (TWCA inside).

3 Utilizzare un concime estivo con un’alta titolazione di Potassio

Un’altra operazione fondamentale per una ricetta antistress per il prato coi fiocchi è la concimazione con fertilizzanti ricchi di potassio e con un basso contenuto di azoto, quest’ultimo il più possibile a lenta cessione.
Il più importante processo fisiologico che svolge il potassio rispetto al periodo caldo che sta arrivando è quello del controllo della traspirazione dei tessuti e quindi l’aumento della resistenza alla siccità e la maggior tolleranza alle alte temperature estive. Ecco alcuni esempi di fertilizzanti specifici per la nutrizione estiva di ottima qualità:

4 Fortificare il prato con prodotti biostimolanti

Inoltre per fortificare il prato in previsione di stress da calore sul piano fisiologico un buon professionista del verde non può non utilizzare specifici biostimolanti studiati per la nutrizione tecnica a base di alghe e aminoacidi, ideali in momenti di stress o difficoltà: per esempio Vital Plus e Seaforce.

5 Utilizzare gli agenti umettanti per migliorare l’infiltrazione dell’acqua

Gli apporti periodici di agenti umettanti concorrono a migliorare l’efficienza assorbente degli apparati radicali e le tecniche di irrigazione:
Ecco un elenco di alcuni agenti umettanti di ultima generazione (by Aquatrols, leader mondiale del settore): RevolutionDispatch Aqueduct (anche granulare).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *